Recupero sottotetto Chiesa di Monteluce, Perugia (2014)

Recupero sottotetto Chiesa di Monteluce, Perugia (2014)



Il progetto prevede la creazione di un percorso di visita grazie al quale si accede a spazi inesplorati e nascosti: parte del campanile e il sottotetto della chiesa.

Un attento e rigoroso rilievo, eseguito con tecniche tradizionali e con l’utilizzo del laser scanner, ha permesso di studiare ed interrogare l’intero edificio, analizzando le sue fasi costruttive sin dalla sua originaria edificazione avvenuta a partire dal 1218 fino ai tempi più recenti. In questa fase sono state rintracciate e studiate tutte le emergenze strutturali in grado di spiegare l’evoluzione e le modificazioni che la chiesa ha subito nel corso della sua secolare vita.

Questi elementi, quasi tutti celati dal sistema voltato edificato a partire dalle metà del 1500, vengono messi in evidenza con un accorto sistema di illuminazione e resi “tangibili” ai visitatori che attraversano tutto lo spazio del sottotetto passeggiando in una struttura in acciaio sospesa rispetto la quota delle volte. 

Il percorso termina con due sale espositive, la prima dedicata alla storia della chiesa e del monastero delle clarisse di cui essa era parte, la seconda al Policlinico di Monteluce, ospedale di riferimento della città che ha occupato parte delle strutture monastiche dopo la soppressione degli ordini religiosi con il Decreto Pepoli a seguito dell’Unità d’Italia.


La prima parte del rilievo è stata eseguita in collaborazione con l’Ing. Bigi D. e l’ing. Faina V.

L’intero lavoro è stato seguito dal Prof. Pietro Matracchi, docente di restauro presso l’Università degli Studi di Firenze, dipartimento Architettura.